Magie in serbo: Igor Jovanovic torna a Bergamo

Magie in serbo: Igor Jovanovic torna a Bergamo Previous item Padura Diaz parla da... Next item Bergamo ha fatto centro...

A volte ritornano. E che ritorno. Aveva lasciato il suo marchio sull’Olimpia dapprima matricola terribile e poi splendida realtà che studiava per diventare grande. Tra il dicembre del 2016 ed il giugno del 2018, Igor Jovanovic ha saputo dirigere i rossoblù dalla cabina di regia a due semifinali play-off ed una finale di Coppa Italia. Ora il serbo, che ha compiuto 32 anni lo scorso 17 maggio, torna ad abbracciare i colori rossoblù con un bagaglio internazionale ulteriormente rinvigorito ed impreziosito dal fresco trionfo nella massima serie spagnola con la maglia dell’Almeria. Non che servissero grandi presentazioni per un palleggiatore di un livello simile, di certo Bergamo attende altresì di riabbracciare un giocatore da subito amatissimo. Per la sua linearità, per la personalità, per la costanza e per la cultura del lavoro poggiata su tanti fatti e poche parole. Un leader garbato e misurato smanioso di cominciare il suo secondo “set” in Italia. Nel mentre, il suo percorso era proseguito a Livorno per poi sconfinare in Romania – Craiova e Galati – ed in Spagna.

BERGAMO, IERI E OGGI – “Due esperienze molto diverse. Ho sempre trovato tanta serietà e altrettanta voglia di essere protagonisti. Ma all’epoca si trattava dei primi passi in A2, adesso torno in un club cambiato e rafforzato da anni ad altissimo livello e forte di quattro trofei in tre anni”

IGOR, IERI E OGGI – “Discorso analogo a quello societario. Rispetto ad allora conosco molto meglio il campionato italiano e sono molto più maturo sia come uomo sia persona sia come giocatore. Anche perché i risultati ottenuti all’estero (ultimo in ordine di tempo il già citato titolo iberico con l’Almeria ndr) mi danno una grossissima spinta e tantissimi stimoli per raggiungere gli obiettivi con Bergamo”.

I FATTORI PER LA SCELTA – “Nella dirigenza ho rivisto la stessa passione, la stessa tenacia e la stessa voglia che mi avevano convinto sei anni fa. A partire dal presidente Angelo Agnelli e dal direttore sportivo Vito Insalata, che ringrazio per avermi permesso di tornare a giocare in questo club che ho sempre considerato una grande famiglia. Poi ritrovo coach Gianluca Graziosi, con cui ho avuto sempre un rapporto fenomenale. E ancora, i tifosi: mi hanno sempre fatto sentire a casa, a cui rivolgo un pensiero speciale e che non vedo l’ora di ritrovare al palazzetto, cosi come tutte quelle persone che amano la società. Tornare in Italia e farlo a Bergamo è un sogno che si realizza”.

MOTIVAZIONI – “Sono molto carico e prometto che dal primo all’ultimo giorno lotterò con ogni goccia di sudore per portare in alto l’Agnelli Tipiesse. Sono convinto che insieme ci toglieremo grandi soddisfazioni”