Dall’Argentina con furore! Juan Ignacio Finoli è l’estroso giocatore di febbraio

Dall’Argentina con furore! Juan Ignacio Finoli è l’estroso giocatore di febbraio Previous item Capitan Cargioli si... Next item Conferenza stampa Finale...

Il giocatore del mese di febbraio è l’estroso regista argentino Juan Ignacio Finoli, classe ’91 approdato a Bergamo a fine luglio in punta di piedi dopo aver militato nel club argentino e prima ancora a Catania, dove già si era fatto conoscere in Italia per le sue caratteristiche di grande fantasista. Finoli si sta distinguendo e matura sempre di più un gioco dinamico ed equilibrato servendo al meglio tutti i suoi compagni che girano come cavalli guidati da un’unica carrozza in grado di orchestrare prime e seconde linee a seconda della forma di ognuno di loro, guadagnandosi fin dai primi mesi il titolo di leader del gruppo, per le qualità caratteriali di trascinatore e lucido punto di riferimento, molto spesso infatti è lui che inventa soluzioni per togliere le castagne dal fuoco. Definito dai compagni come solare e leader indiscusso, si è guadagnato il titolo di giocatore di febbraio per le sue giocate che hanno fatto il giro del web e stupito il pubblico che segue il team da casa. Alza in tutti i modi: con le mani, la testa, i piedi, dotato di una tecnica eccezionale, etichettato anche dalla stampa come giocatore di categoria superiore.

LA STAMPA

Roberta Resnati, Volleynews: “Quando pronunci il nome di Juan Ignacio Finoli viene automatico dire, senza neanche doverci pensare più di tanto, che è il palleggiatore più forte di tutte la Serie A2 Maschile. Il valore aggiunto di questa Bergamo, capace di regalare ad ogni partita dei veri e propri cioccolatini a tutte le sue bocche da fuoco. Oltre al palleggio e alla visione di gioco, che sono di un’altra categoria, è anche efficace dalla linea dei nove metri ed in difesa, un giocatore completo quindi. Quello che però risalta subito mentre è sul taraflex è il suo carattere da vero leader, la sua tenacia e anche, perchè no, il voler sempre trovare un confronto “sportivo” con l’avversario. Caparbio che non molla mai, vero riferimento dentro il rettangolo di gioco orobico.”

Francesco Jacini, caporedattore Baloo volley:” giocatore sanguigno, combattente, se Agnelli Tipiesse sta facendo una stagione strepitosa è anche grazie alla sua regia, ottima distribuzione, nelle difficoltà pronto a inserire una bella dose di fantasia sudamericana: le sue giocate ricordano Fernando Redondo, millimetrico ed estroso”

LO STAFF

Emanuele Arioli mental trainer: “Finoli…giocatore con alto gusto estetico e con la voglia di stupire!
Anima emotiva e di gioco della squadra, sa fare gruppo e gioca davvero bene. Questa responsabilità deve prendersela in mano perché adesso arrivano le partite che contano e lui ha la credibilità per imporre il gioco di squadra. Ha le capacità e il dovere di tenere unita la squadra nei momenti importanti ma anche nei momenti più semplici. Può trovare soluzioni anche diverse perché ha compagni che lo seguono. Se capisce che dalle sue mani passano le idee di gioco siamo a buon punto verso i nostri obiettivi”

Marta Gamba, nutrizionista:” Finoli è la chiave di questa squadra: sia per il ruolo che ricopre in campo sia per la sua personalità. Orchestra la squadra con maestria ed estro, il suo animo argentino è ben visibile nel gioco, è un piacere vederlo giocare (dalla nostra parte del campo )

Roberto Marini, fotografo: “Finoli il nostro regista, lo Spielberg della pallavolo Bergamo, ci sorprende sempre con le giocate da capogiro. Io lo chiamo anche Papu Gomez per lo stesso percorso. Entrambi registi, stesso numero di maglia, stessa nazionalità, hanno giocato entrambi a Catania. Un allenatore in campo, curioso è quando sussurra all’orecchio del compagno di squadra lo schema, ma altrettanto curioso quando fa la chitarra, tirando la maglia e mette in evidenza il numero dello schema. Un grande professionista e sono orgoglioso vederlo giocare per i nostri colori”

Sirio Tomaino, team manager: “Quando ho saputo che Ignacio Finoli (ex Catania) era negli obiettivi della società ho stentato a crederci ed ho subito cercato conferma per capire se si trattava proprio di lui o di un omonimo.
La conferma, fortunatamente, è diventata realtà e Ignacio è il nostro palleggiatore.
Tuttavia ancora adesso, a volte, stento a credere che un ragazzo così tranquillo e pacato riesca a trasformarsi in un giaguaro anzi no, “un Puma Argentino” che, non appena entra in campo, gestisce le fasi di gioco con una grinta ed una determinazione di un Campione, quale Ignacio è.

I COMPAGNI

David Umek: “Finoli oltre ad essere un giocatore incredibile in campo e anche una bellissima persona fuori, sempre solare. In allenamento dà sempre ottimi consigli tecnici e di gestione della partita a tutta la squadra e presta particolare attenzione anche a noi giovani”

Jernej Terpin: “In campo lo vedo come un leader, si vede che ha giocato da tanti anni in campi importanti e ha tanta esperienza, sa rimanere lucido anche nei momenti di difficoltà in cui dobbiamo spingere, riesce a darci indicazioni per mantenere la squadra unita, fuori dal campo è proprio un “argentino”, pazzerello dinamico e vivace, bravissimo a fare le grigliate, consiglio di farsi invitare!”

Linda Stevanato-Ufficio stampa Agnelli Tipiesse